16/03/12

Downton Abbey - Le vite, i destini.



E' facile comprendere perché Downton Abbey, la serie televisiva BBC scritta da Julian Fellowes abbia fatto man bassa di tutti i premi possibili, negli ultimi due anni.

Non si riescono a trovare difetti a quest'opera - giunta alla seconda stagione, ma è già in cantiere la terza serie per la gioia degli aficionados di mezzo mondo - compiuta, realizzata con standard qualitativi inimmaginabili per la gran parte dei prodotti di fiction pensati e realizzati oggi, non soltanto per la televisione ma anche per il cinema. 

Attori eccellenti - su tutti Jim Carter, che interpreta il vecchio maggiordomo e la mitica Maggie Smith nel ruolo della nonna, matriarca della famiglia Crawley, conti di Grantham - ricostruzioni di scene e costumi minuziosi fino al più piccolo particolare, sceneggiatura impeccabile, senza cadute o forzature, regia non convenzionale, scrittura dei dialoghi mai banale, all'altezza anzi di un vero grande romanzo letterario (si è appresa e studiata la lezione di Henry James). 

Julian Fellowes è l'autore di Gosford Park, l'ultimo grande film di Robert Altman e il copione di Downton Abbey ripete le orme di quello del film:  una grande casa nobiliare della Vecchia Inghilterra dentro la quale si intrecciano le vicende della famiglia possidente (padre, madre, tre figlie femmine e vari parenti al seguito) e quelle della numerosa servitù che vive all'ombra dei ricchi proprietari.

Ha molto da dire, Downton Abbey perché le cose che ci racconta sono propriamente le cose umane: le ambizioni e i rimpianti; le incapacità dei caratteri, le bassezze, le piccole meschinità del cuore, che sempre rendono amara la vita propria e quella degli altri; i gesti di generosità gratuita, le qualità umane, i dolori, le sofferenze taciute e quelle manifeste; soprattutto la velleità di orientare la propria vita alla radice di un senso, che è quello di una eterna ricercata (e continuamente perduta) pienezza.

Downton Abbey - è stato fatto notare, inevitabilmente - ha riscosso così unanime consenso perché ci riporta ad un'epoca in cui la vita e i destini individuali sembravano ancora obbedire a regole condivise, a forme di convivenza che promettevano ordine e restituivano un senso.

Un mondo che nel Novecento ha conosciuto una crisi fortissima, una vera e propria catastrofe.

Non è un caso che le vicende di Downton Abbey prendono avvio alla vigilia del Primo Conflitto Mondiale, che segna proprio la linea di discrimine tra classicità e modernità, la fine di un mondo ormai decaduto e decadente e la nascita - catastrofica - di un 'nuovo mondo'. 

Quei personaggi di Downton Abbey parlano a noi. Parlano di quel che eravamo e di quel che siamo diventati.  Perché ciò che eravamo è ancora dentro di noi. E per comprendere ciò che siamo oggi non possiamo e non potremmo mai smettere di interrogarci su quel che eravamo.

3 commenti:

  1. Caro Fabrizio, non potevi descrivere meglio questo capolavoro! Il filmato che hai allegato è solo uno dei momenti più bello, significatvi e di sentimento di questa opera. Sai quanto è caro a me questo personaggio, Mary: è un ritratto di forza, indipendenza e anche...insicurezza! Potrà sembrare contraddittorio eppure sono tutte splendide possibili qualità che una ragazza (ormai Donna nella seconda stagione) può avere. In sintesi presentano, ogni personaggio a proprio modo, la vita stessa. A volte mi rivedo in lei! Vuole lottare ed apparire come non è per non soffrire ma non ci riesce... è troppo vera e di sentimento. Ho apprezzato veramente molto il tuo post, una serie così in può passare non vista! Grazie di avermi fatto rivedere questa scena (il loro inglese, insieme alle loro espressioni, gioca uno dei riuoli più importanti). Spero infine di aver detto qualcosa realmente sensata, data la mia attuale condizione febbrile. Un bacione grande, Daria F.

    RispondiElimina
  2. ... dimenticavo di dire che per me questa scena è semplicemente meravigliosa... M

    RispondiElimina
  3. ... e complimenti all'attenta, profonda e molto sensata analisi di Daria F., nonostante la febbre !, ... ancora M

    RispondiElimina

Se ti interessa questo post e vuoi aggiungere qualcosa o commentare, fallo.